• La Cate

Writing 20: raccontare il fallimento



[caratteri: 2018 | tempo di lettura: 2']

Perché ci raccontiamo?

Andrea Fontana dice che lo facciamo perché ci sentiamo inadeguati: restiamo lì, con la nostra storia tra le dita e una domanda assoluta: interesserà a qualcuno?

Per scoprirlo ci tocca fare capolino dalle nostre confortevoli tane e provare a raccontarci davvero.

Dobbiamo abbandonare la descrizione e scegliere l'approdo difficile e scomodo della narrazione: non basta sciorinare quello che sappiamo fare, dobbiamo iniziare a spiegare perché lo facciamo, nonostante cosa lo facciamo e come abbiamo imparato a farlo.

Dobbiamo saper dire quante volte siamo caduti e, soprattutto, assumercene la responsabilità.

Perché il fallimento non è una fatalità: è frutto delle nostre scelte, delle nostre decisioni, dei nostri errori.

Mi piace il racconto dell'errore perché crea un legame indissolubile tra narratore e interlocutore, tra chi dice e chi ascolta, tra chi scrive e chi legge.

Chi ammette un fallimento senza accusare chi gli ha voltato le spalle, chi non lo ha capito, chi ha sbagliato con lui, è oggi il vero eroe della narrazione d'impresa.

Ho cercato nel web le più recenti ammissioni di fallimento e ho apprezzato la creatività di Andrea Visconti, giovane imprenditore torinese che in un video racconta ai suoi figli una fiaba animata inedita: quella del collasso della sua start up Sinba.

Ma non mi basta: un manager che fallisce sembra sempre l'eroe incompreso che ci ha provato ma è stato ostacolato da antieroi voltagabbana o da forze avverse.

Vogliamo che i bambini imparino qualcosa di davvero utile?

Perfetto: partiamo dalle responsabilità, tiriamo fuori i nostri errori e mettiamoli in fila come tanti soldatini.

I nostri, non quelli degli altri.

Raccontiamola, alla generazione Z, la biografia dei nostri sbagli, e facciamolo ridendoci su, per esorcizzare l'inutile paura di sbagliare ancora.

Perché tanto, e per fortuna, sbaglieremo.

📝L'esercizio: racconta i tre fallimenti della tua vita, quei tre lì che ti hanno annodato le budella. Sii breve, non perderti in piagnistei e lamentele. Non ci si piange addosso, qui. Si racconta e si scrive breve.

Massimo 1000 caratteri a fallimento.

Una buona (ri)partenza? Partecipa, con la coda tra le gambe e l'ottimismo che solo la condivisione sa dare, a una della Fuckup Nights che organizzano quelli di Impact Hub: sali sul palco e racconta i tuoi fallimenti.

#storytelling #autobiografia #webwriting