• La Cate

Web 02: l’identità online e gli abiti di Aristotele



[caratteri: 1360 | tempo di lettura: 56"]

Ho imparato che quando fai un corso come il mio, sulla promozione online, e i tuoi utenti sono giovanissimi, devi prenderti il tempo per qualche premessa.

Questa, quindi, è la seconda menata sul web.

Per fortuna qui si "scrive breve".

La questione dell’identità online è faccenda complessa: vorrei che i ragazzi scegliessero consapevolmente quale "abito" mettersi quando entrano in rete. In realtà dovremmo farlo tutti.

Per Aristotele l’abito è un atteggiamento che assumiamo in modo consapevole.

Ma più agiamo comportamenti consapevoli, più questi si fanno inconsapevoli: smettono di essere “abiti” e diventano “abitudini”.

È così che costruiamo la nostra identità sociale: a colpi di abitudini.

L’educazione è costruzione di abitudini. Basta fare un po’ di esercizio e il gioco è fatto.

Se mi esercito alla lettura sarò un lettore.

Se mi esercito alla lettura critica sarò un buon lettore.

Ma se l’esercizio mi fa diventare qualcuno-che-prima-non-ero, allora magari posso anche imparare-a-essere.

Posso imparare a essere divertente, buono, tollerante, curioso.

Ecco: mi piace pensare che la scuola sia ancora il posto migliore per imparare-a-essere.

Perché resta un ambiente protetto.

Il web, invece, espone, mica protegge.

Eppure educa, più di quanto siamo disposti ad ammettere.

I prof-digitali-come-me forse dovrebbero ricordarselo, tra un'app e l'altra.

#identitàonline #web