• La Cate

Brand 22: la Facebook cover moodboard




[caratteri: 1477 | tempo di lettura: 1'39"]

Una cover di Facebook tutta visual storytelling? Bene, eccoti le istruzioni.

Prima però ho una storia da raccontare.

Quando una di mestiere fa la prof ha la fortuna di conoscere un sacco di gente, e non è detto che sia tutta gente meravigliosa (a volte vorresti mettere in fila i tuoi studenti per tirargli giù la pelle dalla faccia) ma io di certo non mi lamento.

Nella schiera dei meravigliosi ci sono sempre gli alunni-dell'anima: quelli che quando leggi le prime tre righe di una roba qualunque che gli fai scrivere resti lì con la faccia inebetita e pensi che tu non ne saresti stata capace. E chissenefrega se hanno un paio di bocciature alle spalle e non apriranno un libro nemmeno sotto tortura: resteranno per sempre i tuoi alunni dell'anima.

Quando me ne sono uscita con l'idea di Un passo indietro ho voluto un mio alunno-dell'anima nel team editoriale. Aveva 17 anni, un marcato accento romano e invece di studiare tirava di boxe. Ha buttato giù in una mezzora scarsa un pezzo che resta una perla di buona scrittura e di senso critico (lo trovi a pagina 7 del libro, che scarichi gratis qui).

Il post di oggi nasce da una frase di quel testo, che sembra fatta apposta per una visual story.

Copio-incollo:

Importa chi siamo, chi siamo pronti a essere e chi saremo un giorno.

📝L'esercizio: ho preparato una maschera per cover facile facile su Canva, nella versione illustrata e in quella photo-collage; potrai usarla come modello.

Ti chiedo di fermarti a pensare: chi sei, chi sei disposto a essere e chi immagini di diventare? Mi piace anche la versione nostalgica, tutta ripiegata sul passato: chi eri, chi eri disposto a diventare e chi sei diventato?

Mi diverte molto questo esercizio ed è davvero rapido, non spenderci più di mezzora. Il sito che ho scelto per le immagini della mia cover è Gratisography ma vanno bene i soliti, da Unsplash a Pixabay.

Tre immagini, tre cose di te, una storia da raccontare.

#visualstorytelling #visualthinking #moodboard #personalmoodboard